fbpx
Secondaria 1° grado

Scuola al cubo

Influencer Cittadinanza digitale Consapevolezza e responsabilità Social
    • Cittadinanza digitale
    • Consapevolezza e responsabilità
    • Influencer
    • Social
    • Area Scientifica-Tecnologica Matematico
    • Educazione Civica
    • Comunicazione nella madrelingua
    • Comunicazione nelle lingue straniere
    • Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia
    • Competenza digitale
    • Competenze sociali e civiche
    • 05. Le parole sono un ponte
    • Che storia ha il cubo di Rubik?
      Cosa sta alla base della sua risoluzione?

Svolgimento
50'
  • Attraverso le 2 domande proposte racconta alla classe la storia del cubo di Rubik e le motivazioni della sua fama

    Come nasce il cubo di Rubik?

    Il Cubo di Rubik è stato inventato nel 1974 da Ernõ Rubik, un professore di architettura ungherese. Rubik in seguito ha utilizzato il Cubo come esercizio di apprendimento per insegnare ai suoi studenti gli spazi tridimensionali. Voleva creare un sistema che permettesse di muovere sezioni indipendenti di un cubo, senza doverlo per forza smontare e rimontare ogni volta. Trovò la soluzione realizzando un cubo le cui facce erano formate da sezioni diverse, agganciate al centro da un meccanismo interno, che potevano essere mischiate tra loro.

    Qui l’immagine da mostrare se vuoi far comprendere la struttura del cubo:

    Perché secondo voi ha avuto così tanto successo?

    Oltre al fatto di essere economico, facile da trasportare e sempre utilizzabile perché non ha bisogno di batterie, nei suoi 40 anni di esistenza il cubo di Rubik ha avuto un enorme successo praticamente in tutto il mondo.

  • Ricerca a piccoli gruppi di immagini per inserirle su un padlet o lavagna condivisa

    Il cubo di Rubik spopola negli anni 80 e ancora oggi è uno dei rompicapi più amati al mondo, presente nella cultura pop. Ci sono tantissimi riferimenti a partire dalle serie tv o a delle canzoni.

    Fai fare mente locale alla classe e fai condividere su una lavagna virtuale dei film, serie, libri o canzoni dove hanno visto o sentito nominare il cubo di Rubik (come strumento potresti utilizzare un padlet).

    Ti lasciamo qui sotto alcuni esempi e/o spunti:

    Wall-e

    Sheldon Cooper, Big Bang Theory

    Mike, Stranger Things

    Spiderman

    Se hai piacere condividi come esperienza su ancheioinsegno.it l’immagine della tua lavagna virtuale!

  • Guarda il video con la classe e commenta

    Guarda questo trailer: Gli speedcuber

    Dopo aver visto il video, chiedi alla classe quali possono essere le varie tipologie di sfide del cubo di Rubik. Alla fine sono come delle sorta di challenge!
    Pensate che diversi studi matematici hanno cercato di determinare il numero di combinazioni diverse che può assumere il cubo di Rubik…il numero più accreditato è 43.252.003.274.489.856.000!

    Di seguito te ne elenchiamo alcune di queste gare:

    • Tra le discipline in competizione ci sono ovviamente quelle “classiche”, ovvero risolvere il cubo il più semplicemente possibile.

    Si passa poi alle competizioni un po’ più “estreme” tra le quali:

    • One handed, in cui è concesso usare una sola mano,
    • Blindfolded, cioè risolvere il rompicapo bendati.
    • Pyraminx, che non è un cubo ma una piramide
    • Megaminx, che è un puzzle dodecaedrico a 12 colori.

    (se vuoi approfondire nel sito della Word Cube Association, l’associazione che si occupa della gestione ed organizzazione dei tornei ufficiali, ci sono tutti i dettagli)

    Ci sono delle challenge sui social rispetto al cubo di Rubik? Chiedi alla classe di condividerne alcune per la lezione successiva condividendo il link. YouTube può essere un canale efficace.

  • Guarda il video e leggi la spiegazione

    Chiedi alla classe se sa cos’è un algoritmo e se ne hanno mai sentito parlare.

    Questa domanda serve a introdurre un argomento apparentemente distante dal famoso gioco di logica. Infatti, per completare il cubo di Rubik non ci sono delle rotazioni a caso ma ci sono delle mosse che ti permettono di arrivare a determinati tipi di situazioni, queste mosse sono degli algoritmi! Ma… che cos’è un algoritmo? (consigliata visione video fino al min 2:32)

    Nel caso del cubo di Rubik l’algoritmo è un insieme di giri di faccia che vengono svolti in un ordine ben definito per raggiungere un risultato nel modo più efficiente possibile (per esempio creare una croce dello stesso colore o spostare un angolo da una faccia ad un’altra utilizzando poche mosse).

    Sono appunto una sorta di istruzioni ben codificate che ci aiutano a risolvere un problema più complesso. Pensate che diversi studi matematici hanno cercato di determinare il numero di combinazioni diverse che può assumere il cubo di Rubik…il numero più accreditato è 43.252.003.274.489.856.000!

    Chiedi quindi alla classe se vuole accogliere la sfida ed imparare in modo concreto degli algoritmi.

    • Ricerca su piattaforme social di alcune persone speedmaster che spiegano alcuni algoritmi di risoluzione (può essere utilizzata per un insegnamento in modalità CLIL).
    • C’è anche un documentario con la possibilità di mettere i sottotitoli in Italiano: Why We Cube | A Speedcubing Documentary
    • Per approfondire: dal sito della Word Cube Association, l’associazione che si occupa della gestione ed organizzazione dei tornei ufficiali, si possono scoprire alcune delle tipologie di gara e la loro esecuzione. Con l’insegnante di inglese si possono vedere alcuni termini particolari https://www.worldcubeassociation.org/about

Hai completato l’attività? Richiedi subito il “Kit Insegnante”!

Bene, il primo step è completato! Adesso inserisci i dati della classe che ha fatto l’attività e richiedi il kit per continuare a imparare con i cubi di Rubik.

    Chi ha già lavorato in classe con questa attività

    In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )