Primaria
Secondaria 1° grado

Le vie dell’uguaglianza

Costituzione Inclusione
    • Inclusione
    • Costituzione
    • Educazione Civica
    • Area Umanistico-Letteraria
    • Area Storico-Geografica-Filosofica
    • Competenza digitale
    • Imparare a imparare
    • Competenze sociali e civiche
    • Consapevolezza ed espressione culturale
    • 03. Le parole danno forma al pensiero
    • 06. Le parole hanno conseguenze
    • 10. Anche il silenzio comunica
    • • C’è qualche luogo nelle nostre realtà non accessibile a tutti/e?

      • Quali strumenti abbiamo a disposizione per favorire l’inclusione?

      • Quali sono le principali caratteristiche della nostra Costituzione?

      • Quali sono le parole-chiave che esprimono il Paese che vogliamo essere?

Svolgimento
60'
  • L’insegnante invita i ragazzi e le ragazze a pensare se ci sono dei luoghi nella loro città che non sono accessibili a tutti/e (a causa ad esempio di barriere architettoniche), e se questo problema si verifica anche in Rete (a causa ad esempio della mancanza di connessione e/o di strumenti tecnologici: può essere ad esempio capitato che durante il lockdown qualche ragazzo/a non abbia potuto partecipare alle lezioni).

    Una volta stilato l’elenco, i ragazzi e le ragazze sono invitati/e a proporre delle soluzioni per risolvere i problemi segnalati: facendo sintesi dei contributi emersi, l’insegnante evidenzia la necessità di fare manutenzione della Costituzione.

  • Gioca utilizzando una copia della Costituzione e questa lista di parole: PROMESSA – RICETTA – MOTORE – DIRITTI – DOVERI – PERSONA – LIBERTÀ – LAVORO – SOLIDARIETÀ – PARTECIPAZIONE – TUTTI

    Ai ragazzi e alle ragazze viene fornita una copia della Costituzione della Repubblica Italiana e una lista di parole: vince/ottiene il punteggio più alto, chi ne usa il maggior numero possibile per presentare agli/alle altri/e la nostra Legge Fondamentale, spiegando come può essere utile per risolvere le problematiche di accessibilità e non solo.

    Vengono condivise le presentazioni: l’insegnante sottolinea che i padri e le madri costituenti, quando hanno scritto la Costituzione, hanno soppesato ogni singola parola. Le parole che usiamo esprimono chi vogliamo essere e non sono semplici enunciazioni di principio. Le parole hanno conseguenze, le parole creano mondi, come è scritto anche nel Manifesto della comunicazione non ostile.

  • Ai ragazzi e alle ragazze viene proposto di utilizzare la stessa lista di parole usata per presentare la Costituzione per spiegare sia il Manifesto della comunicazione non ostile che lo stile con cui stare in Rete.


Segui il percorso completo
Chi ha già lavorato in classe con questa attività

In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )