Secondaria 1° grado

L’arte del comunicare

Social Emozioni Consapevolezza e responsabilità Cittadinanza digitale Web reputation /identità online
durata 60  min

Materia

Educazione Civica
Area Umanistico-Letteraria
Area Storico-Geografica-Filosofica

Competenze chiave

Comunicazione nella madrelingua
Competenza digitale
Imparare a imparare
Competenze sociali e civiche
Consapevolezza ed espressione culturale

Punto/i del Manifesto della comunicazione non ostile

02. Si è ciò che si comunica
07. Condividere è una responsabilità
09. Gli insulti non sono argomenti

Descrizione dell'argomento

Il valore della comunicazione nella società liquida


Domande fondamentali

• La parola “comunicazione” suona molto moderna ed evoca immediatamente il sistema culturale contemporaneo. Il tema della comunicazione è certamente uno dei più dibattuti e l’abilità comunicativa è ormai un requisito essenziale per emergere nel mondo attuale. Nell’era dell’informazione globale e tecnologica, la capacità di esprimersi in modo chiaro e corretto va sempre più riducendosi?


Oggi, contrariamente a quello che ci si potrebbe aspettare da una società di massa e mediatica, l’ars oratoria è subordinata più che alla qualità degli oratori, alla quantità delle orazioni; vi è un assiduo e costante bombardamento di slogan e informazioni che da un certo punto di vista rende meno importante la forma oratoria e i contenuti delle orazioni.


Materiali e Fonti

Il Manifesto della comunicazione non ostile

“L’arte di comunicare”, Cicerone (Oscar Mondadori).

Il video del Manifesto della comunicazione non ostile

Video “I grandi oratori della storia. Da Cicerone a Martin Luther King"

Svolgimento dell'attività

Introduzione (15 minuti)


L’insegnante introduce il tema mostrando in un primo momento il video dei grandi oratori della storia e, successivamente, il video relativo al Manifesto della comunicazione non ostile.


Al termine della visione, si promuove una riflessione su che cosa voglia dire comunicare e saper essere un buon oratore secondo Cicerone, per il quale l’arte oratoria è composta di 5 parti: l’invenzione, la disposizione, l’elocuzione, la memoria, la declamazione.


Attività (40 minuti)


Cooperazione. A coppie alunni e alunne sono invitati a riflettere su quali siano le caratteristiche che oggi deve avere un buon oratore. Al termine del tempo a disposizione, l’insegnante inviterà il/la ragazzo/a più “timido/a” della coppia a esporre i risultati del confronto. (20 minuti)


Condivisione in classe. L’insegnante alla lavagna sintetizza in una tabella a due colonne le “buone idee” e le “idee discutibili” che di volta in volta emergono, sulla base di quanto evidenziato durante l’introduzione e la cooperazione. (20 minuti)


Conclusione (5 minuti)


Generalizzazione. L’insegnante chiederà ad alunni e alunne di trascrivere sul quaderno il decalogo del buon oratore della “società liquida”.


Ulteriori attività di approfondimento

Terminata l’attività scolastica, l’insegnante potrebbe proporre a ragazzi e ragazze di presentare il decalogo in modo originale (producendo video, realizzando Padlet, fumetti con apps, infografiche, iBooks, ecc.).


Chi ha già lavorato in classe con questa attività

In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )