Primaria

A occhi chiusi

Consapevolezza e responsabilità
    • Consapevolezza e responsabilità
    • Educazione Civica
    • Area Umanistico-Letteraria
    • Area Artistico-Espressiva
    • Area Sportivo-Motoria
    • Comunicazione nella madrelingua
    • Competenza digitale
    • Imparare a imparare
    • Competenze sociali e civiche
    • Spirito di iniziativa
    • Consapevolezza ed espressione culturale
    • 04. Prima di parlare bisogna ascoltare
    • • Siamo bravi ad ascoltare? 

      • Ci si può allenare nell’ascolto?

Svolgimento
60'
  • Rifletti, ascolta e copia i ritmi

    Chiedi ai bambini e alle bambine che cosa significa secondo loro “ascoltare” e se capita loro di essere sgridati perché non ascoltano, o accusati perché fingono di non ascoltare.

    Ricorda loro che anche nell’ascolto, come nello sport, ci si può allenare per migliorare e invitali a fare un po’ di allenamento insieme.

    Fai sedere in cerchio i bambini (nel caso siate in classe, va bene anche se sono al loro banco). Spiega che eseguirai una serie di battiti con le mani. Tu conduci, loro devono ascoltare e seguire lo stesso ritmo. 

    Inizia con qualcosa di facile e, man mano che i bambini ti seguono nel battere le mani, inserisci delle variazioni:

    • Battere più velocemente;
    • Battere per terra o sulle ginocchia;
    • Fare pause…

    Quando vedi che sono concentrati, chiedi loro di continuare l’attività chiudendo gli occhi. In questo caso non complicare troppo i ritmi e non cambiare in corsa.

    Quando i bambini saranno concentrati fermati e fai loro un applauso. 

  • Rifletti e condividi

    Chiedi ai/alle bambini/e le sensazioni che hanno provato durante l’attività: 

    • È stata facile? 
    • Hanno incontrato delle difficoltà? 
    • Si sono distratti?
    • Senza la vista, era più difficile ascoltare?
  • Gioca e sfida i tuoi compagni

    Ora dividi i bambini in due squadre e scegli un caposquadra per ognuna. Le regole sono semplici: 

    • Si gioca a turno;
    • I capitani, bendati o ad occhi chiusi, ascoltano;
    • I compagni di squadra dicono parole in libertà per 30 secondi;
    • La squadra avversaria le annota con fogli e penna.

    Vince la squadra il cui capitano riesce a ricordare più parole fra quelle pronunciate dai suoi compagni.

    La sfida si può ripetere allungando il tempo e, conseguentemente, il numero di parole da ascoltare e ricordare.

  • Rifletti e condividi

    Anche in questo caso, dedica un momento alla restituzione dell’attività con il gruppo: 

    • Siete riusciti a concentrarvi solo sull’ascolto?
    • Che cosa ha reso difficile l’ascolto? 
    • Le voci si sovrapponevano?  
    • Le parole venivano pronunciate bene? 
    • Il volume era troppo alto o troppo basso? 
    • Come si sono comportati gli avversari?
  • Rifletti e condividi

    Quando saranno emerse tutte le difficoltà incontrate, chiedi ai bambini se anche nella loro vita quotidiana gli capita di non riuscire a farsi ascoltare o ad ascoltare qualcun’altro. Stimola il confronto con domande tipo: 

    • I fratelli vi ascoltano? I genitori? Le maestre/I maestri? Da chi vi sembra di essere più ascoltati e da chi meno? Perché?
    • Che cosa fai per farti ascoltare quando ti sembra che l’altro non lo faccia?

    Infine, chiudi l’attività chiedendo ad ognuno di darsi un obiettivo legato all’ascolto su cui vorrebbe allenarsi nel tempo.


Segui il percorso completo
Chi ha già lavorato in classe con questa attività

In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )