Secondaria 2° grado

Toponomastica femminile

Consapevolezza e responsabilità Inclusione Collaborazione
durata 60  min

Materia

Educazione Civica
Area Umanistico-Letteraria
Area Storico-Geografica-Filosofica

Competenze chiave

Comunicazione nella madrelingua
Imparare a imparare
Competenze sociali e civiche
Consapevolezza ed espressione culturale

Punto/i del Manifesto della comunicazione non ostile

02. Si è ciò che si comunica
03. Le parole danno forma al pensiero
04. Prima di parlare bisogna ascoltare
07. Condividere è una responsabilità
08. Le idee si possono discutere.Le persone si devono rispettare
09. Gli insulti non sono argomenti

Descrizione dell'argomento

La Costituzione come progetto di società nuova ispirato all’inclusione e alla mitezza. La declinazione del linguaggio come attuazione del principio di uguaglianza della Costituzione.


Domande fondamentali

• Secondo l’Articolo 3 della Costituzione, uomini e donne sono rappresentati nello stesso modo dalle parole?


• Cambia qualcosa se definisco una donna architetto o architetta, avvocato o avvocata?


• Il linguaggio usato nei media, nella modulistica delle Pubbliche Amministrazioni, sui giornali, sui manuali, è capace di rappresentare sia gli uomini che le donne?


• Se le parole mi rappresentano, occorre usare sia il genere maschile che quello femminile?


Materiali e Fonti

Il Manifesto della comunicazione non ostile

Articolo 3 della Costituzione Italiana

Il progetto “Toponomastica femminile”

Articolo “Infermiera si, ingegnera no?” di Cecilia Robustelli

Articolo “Dubbi addio, si dice chirurga e ministra, sindaca e avvocata: rispettando l’italiano si rispettano anche le donne”

Svolgimento dell'attività

Introduzione (20 minuti)


L’insegnante legge l’articolo 3 della Costituzione e lo commenta insieme alla classe, a cui chiederà poi di esporre i risultati della ricerca toponomastica che avrà avuto cura di assegnare per casa nella lezione precedente.


Attività (40 minuti)


L’insegnante proporrà un veloce esame dei dati relativi alla toponomastica femminile in Italia e un approfondimento sull’argomento, attraverso i giochi suggeriti dal sito omonimo (come ad esempio https://www.toponomasticafemminile.com/sito/index.php/quiz-chi-e-questa-donna ). A questo punto, rilegge l’articolo 3 della Costituzione: che cosa significa dare pari dignità sociale alle donne? Significa anche usare le parole che le rappresentano e le rendono visibili!


Conclusione


In una lezione successiva, si può chiedere a studenti e studentesse di esporre le loro presentazioni in Powerpoint sulle donne a cui sono intitolate le vie del loro paese/città.


Chi ha già lavorato in classe con questa attività

In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )