Primaria

Specchio specchio delle mie brame… Mostra chi sono!

Consapevolezza e responsabilità Cittadinanza digitale

E' un'attività che  da un lato permette ad alunni e ad alunne di conoscersi meglio facendoli riflettere sul principio 1 del Manifesto della comunicazione non ostile e dall'altra presenta il Manifesto come la bussola che li/le accompagnerà alla scoperta del mondo online.

durata 60  min

Materia

Educazione Civica
Area Umanistico-Letteraria
Area Artistico-Espressiva

Competenze chiave

Comunicazione nella madrelingua
Competenze sociali e civiche
Spirito di iniziativa
Consapevolezza ed espressione culturale

Punto/i del Manifesto della comunicazione non ostile

01. Virtuale è reale
08. Le idee si possono discutere.Le persone si devono rispettare

Domande fondamentali

• Chi sono e come mi presento offline?

• Chi sono e come mi presento online?

• Virtuale è reale?

• Che cos’è il Manifesto della comunicazione non ostile?


Materiali e Fonti

Il Manifesto della comunicazione non ostile

- Foglio di carta A5 raffigurante uno specchio;
- foglio di carta A5 raffigurante uno smartphone;
- riviste, giornali, magazines etc;
- quaderno o cartellina personale dove raccogliere i materiali dell’intero biennio (diario di bordo).

“Il video del Manifesto della comunicazione non ostile”

Svolgimento dell'attività

• Introduzione: si propone di iniziare il biennio con la presentazione di ciascuno/a. Alunni ed alunne probabilmente si domanderanno che senso abbia presentarsi dato che si conoscono da almeno due anni e a questo punto l’insegnante farà notare che le esperienze fatte e le persone incontrate, ad esempio, fanno crescere e, in parte, cambiare: anche gusti e passioni non rimangono sempre gli stessi dalla nascita all’età adulta, ma si evolvono nel tempo. (10 minuti)


• Attività: l’insegnante metterà a disposizione di tutti/e giornali, riviste, magazines etc, e distribuirà ad ognuno/a un foglio A5 raffigurante uno specchio, chiedendo di ritagliare immagini/parole/situazioni che lo/la rappresentano e descrivono. Al termine dell’attività verrà fatto un giro di presentazione e condivisione dei lavori fatti. Successivamente, l’insegnante inviterà alunni ed alunne a presentarsi a una persona immaginaria che non li/le conosce sempre ritagliando immagini/parole/situazioni che li/le descrivono, ma incollando il materiale in un foglio A5 raffigurante uno smartphone. Quando tutti/e avranno finito verranno messi a confronto lo specchio e lo smartphone per vedere se le due presentazioni coincidono. A questo punto si farà riflettere la classe sul fatto che virtuale è reale e verrà spiegato che cosa questo significhi ricorrendo al Manifesto della comunicazione non ostile, che verrà presentato come la bussola che li/le accompagnerà alla scoperta del mondo online (l’oceano/mare che la classe percorrerà durante il secondo biennio). (40 minuti)


• Conclusione: l’insegnante inviterà gli alunni e le alunne a incollare su due pagine adiacenti del diario di bordo, ovvero il quaderno/la cartellina che documenterà il percorso, lo specchio e lo smartphone scrivendo in alto “Virtuale è reale” e chiederà di personalizzare il proprio diario. (10 minuti)


Ulteriori attività di approfondimento


  • “Il video del Manifesto della comunicazione non ostile” (vedi materiali e fonti)

  • Si potrebbe chiedere ad alunni ed alunne di portare a scuola riviste, giornali, magazines etc in modo da avere una più ampia scelta.


Chi ha già lavorato in classe con questa attività

In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )