fbpx
Primaria

Sono una ragazza

Consapevolezza e responsabilità Emozioni Inclusione Hate Speech Costituzione Bodyshaming Cyberbullismo - bullismo
    • Costituzione
    • Consapevolezza e responsabilità
    • Emozioni
    • Cyberbullismo - bullismo
    • Bodyshaming
    • Hate speech
    • Inclusione
    • Educazione Civica
    • Area Umanistico-Letteraria
    • Area Storico-Geografica-Filosofica
    • Comunicazione nella madrelingua
    • Comunicazione nelle lingue straniere
    • Competenza digitale
    • Consapevolezza ed espressione culturale
    • 01. Virtuale è reale
    • 02. Si è ciò che si comunica
    • 03. Le parole danno forma al pensiero
    • 04. Prima di parlare bisogna ascoltare
    • 05. Le parole sono un ponte
    • 06. Le parole hanno conseguenze
    • 07. Condividere è una responsabilità
    • 08. Le idee si possono discutere.Le persone si devono rispettare
    • 09. Gli insulti non sono argomenti
    • 10. Anche il silenzio comunica
      • Ci sono delle parole, con cui vengono descritte le bambine, che non mi piacciono e non mi rappresentano?
      • Le parole possono raccontare che pur essendo diversi abbiamo uguali diritti possiamo svolgere gli stessi mestieri?
      • Cosa può fare ognuno di noi per cambiare i finali che non ritiene giusti?
      • Ci sono luoghi in cui ancora oggi bambine e ragazze devono lottare per avere gli stessi diritti dei coetanei maschi? 
Svolgimento
60'
  • Scrivi sulla lavagna o lim

    L’insegnante scrive alla lavagna le parole “femminuccia” e “maschiaccio” e, in modalità brainstorming, invita i bambini e le bambine a dire tutto quello che queste due parole fanno venire loro in mente, quando le hanno sentite pronunciare, da chi, per esprimere cosa, e se le hanno mai usate nei confronti di qualcuno.

    Dopo aver raccolto le prime impressioni, l’insegnante chiede ai bambini e alle bambine se ci sono altre parole o espressioni che vengono usate nei confronti delle bambine o di ragazze più grandi (sorelle, cugine, amiche) che a loro non piacciono, e per quale motivo.

  • Leggi il libro

    Insieme alla classe, l’insegnante legge e poi tutti commentano “Sono una Ragazza!” di Yasmeen Ismail, ed. Giralangolo – Sottosopra, 2017.

  • Usa fogli divisi in due colonne

    L’insegnante divide i bambini e le bambine in piccoli gruppi e li invita a scrivere su due colonne le caratteristiche/differenze tra maschi e femmine.

    I gruppi condividono le loro liste e l’insegnante li aiuta a comprendere che essere diversi non significa avere meno opportunità e meno diritti e che nessuno può decidere al posto tuo: niente è scritto per sempre, neanche le fiabe, di cui possiamo riscrivere il finale.

  • Presenta il Manifesto della comunicazione non ostile

    Ritornando all’attività di apertuta, l’insegnante aiuta i bambini e le bambine a comprendere che il mondo si può cambiare anche attraverso le parole e presenta loro il Manifesto della comunicazione non ostile.

  • A gruppi o a coppie, i bambini e le bambine sono invitati a svolgere le seguenti attività:

    • raccontare una o più storie di donne che si sono distinte in ambiti considerati maschili;
    • fare una lista di nomi di mestieri o di funzioni che un tempo non venivano declinati al femminile, perché di fatto non venivano praticati dalle donne, ma che oggi possono e devono venir usati applicando il genere corretto se riferiti a una donna o a una ragazza;
    • riscrivere il finale di una fiaba classica;
    • cercare storie di bambine e ragazze che ancora oggi devono lottare per avere gli stessi diritti dei coetanei maschi.

    A propria discrezione, l’insegnante può proporre la lettura dei seguenti libri:

    • “Fiabe In Rosso”di Lorenzo Naia e Roberta Rossetti, VerbaVolant, 2015;
    • “Quante tante donne. Le pari opportunità raccontate ai bambini” di Anna Sarfatti, Mondadori, 2019;
    • “La dichiarazione dei diritti delle femmine” di Elisabeth Bramie Estelle Billon-Spagnol, Lo Stampatello, 2015;
    • “La dichiarazione dei diritti dei maschi”di Elisabeth Bramie Estelle Billon-Spagnol, ed.Lo Stampatello, 2015.

    Hai completato l'attività? Inviaci la tua valutazione, entra ufficialmente nella community! 

    La tua opinione è importante, ci permette di rafforzare la community di #paroleostili e  migliorare l’esperienza didattica. 
    Compila il form ogni volta che hai completato l’attività con una delle tue classi. Grazie ❤️

    Chi ha già lavorato in classe con questa attività

    In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )