Primaria

Perdenti con le ali

    • Consapevolezza e responsabilità
    • Emozioni
    • Inclusione
    • Educazione Civica
    • Area Linguistica
    • Area Sportivo-Motoria
    • Comunicazione nella madrelingua
    • Competenza digitale
    • Competenze sociali e civiche
    • Consapevolezza ed espressione culturale
    • 06. Le parole hanno conseguenze
    • • Che tipo di tifoso sono? 

      • So riconoscere il valore del mio avversario?

      • So riconoscere i miei punti deboli?

      • Quando tifo, so usare parole e gesti adeguati che non sfocino negli insulti?

Svolgimento
90'
  • Visione di una foto, ascolto di storie e riflessione di gruppo

    Mostra la foto ai ragazzi e chiedi loro di commentarla:

    • In che contesto siamo? 
    • Come si concluderà la gara? 
    • Chi sta aiutando chi? Perché?

    Poi spiega loro come sono andate le cose:

    A settembre 2019 all’edizione di Doha dei Mondiali di Atletica, Braima Suncar Dabó, ventiseienne atleta guineano, si è reso protagonista di un bellissimo gesto. Durante la volata finale della gara dei 5000 metri, Dabò strappò l’ovazione di tutto il pubblico per essersi fermato a soccorrere un altro atleta: stramazzato al suolo per la fatica. Il suo gesto e quegli ultimi 250 metri fino al traguardo, percorsi abbracciato all’avversario che aveva aiutato, sono rimasti nella memoria di tutti gli sportivi.

    Proponi ai ragazzi anche questo esempio al femminile:

    Atletica leggera Rio 2016, 5000 metri femminili: la gara è quasi al termine, il gruppo accelera per la volata finale, ma nella concitazione le ragazze si trovano in una piccola mischia che frena bruscamente. La neozelandese Hamblin cade rovinosamente e, accanto a lei, l’americana D’Agostino mette un piede in fallo a causa della confusione sulla pista e gira malamente il ginocchio. Nonostante questo, Abbey aiuta Nikki a rialzarsi e riprendono zoppicando la corsa anche se le speranze di un buon piazzamento sono ormai svanite. L’infortunio al ginocchio di D’Agostino è però grave e la ragazza cade due volte a terra. Adesso è Hamblin a fermarsi e a sollevare la rivale tagliando insieme il traguardo. Per il fair-play, il CIO ha deciso di ‘allargare’ il numero di partecipanti alla finale, inserendo nella start list anche i nomi delle due runner per il comportamento tenuto durante le batterie.

    Avvia e guida una riflessione di gruppo:

    • Pensi che sia giusta la decisione del CIO?
    • Perché secondo te un atleta rinuncia a correre o a vincere per aiutare un avversario?
  • Immagina e scrivi un’intervista

    Dividi gli alunni in quattro gruppi e proponi di scrivere le domande per un’intervista a uno degli atleti di cui abbiamo raccontato la storia. Raccogli le domande scritte, fai un piccolo riepilogo delle storie di cui si sta parlando e, successivamente, distribuisci nuovamente le domande perché ogni gruppo risponda alle domande scritte da un altro. 

  • Ascolta e rifletti

    Esistono anche esempi meno positivi: fai ascoltare o racconta la storia di Rosie Ruiz e avvia una discussione in merito all’episodio: conoscono alcune persone che barano? A loro è mai capitato di barare in qualche gioco? Come si sono sentiti dopo averlo fatto?

  • Gareggia e rifletti

    Proponi ai ragazzi/e una gara di corsa inserendo delle varianti: 

    • Correre da soli;
    • Tenendo per mano un /una compagno/a;
    • Avendo una gamba legata a quella di un compagno/a;
    • E così via. 

    Al termine, chiedi ai ragazzi che cosa hanno provato nelle diverse situazioni.


Segui il percorso completo
Chi ha già lavorato in classe con questa attività

In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )