Secondaria 1° grado

Penso Parlo Posto

Privacy Consapevolezza e responsabilità Cittadinanza digitale

In collaborazione con: Il Castoro

durata 60  min

Materia

Educazione Civica
Area Umanistico-Letteraria
Area Artistico-Espressiva

Competenze chiave

Imparare a imparare
Competenze sociali e civiche
Consapevolezza ed espressione culturale

Punto/i del Manifesto della comunicazione non ostile

03. Le parole danno forma al pensiero
06. Le parole hanno conseguenze
10. Anche il silenzio comunica

Descrizione dell'argomento

La fiducia nelle relazioni virtuali e la comunicazione della propria identità.


Domande fondamentali

• Quanto in Rete possiamo contare sulla fiducia, che è alla base di ogni conoscenza che diventa amicizia?


• Se online possiamo alterare la nostra identità, quanto riusciamo a comunicare veramente chi siamo e quanto possiamo aspettarci che gli altri siano veri?


• Quanto possiamo fidarci e creare amicizie?


Materiali e Fonti

Estratto del libro “Penso Parlo Posto. Breve guida alla comunicazione non ostile” di Carlotta Cubeddu e Federico Taddia, illustrazioni di Gud (Il Castoro, 2019).

Svolgimento dell'attività

Introduzione al progetto di Parole O_Stili e lettura del Manifesto.


• Partendo dai materiali messi a disposizione, e scaricabili dal link sopraindicato, si propongono le seguenti attività:


– Lettura in classe dell’introduzione del capitolo “Virtuale è reale” tratto dal libro Penso Parlo Posto. Breve guida alla comunicazione non ostile. – Rispondere alle domande “(S)Punti Interrogativi” (individualmente o con una discussione in classe).


• Lettura in classe della storia “Nome in codice Kamy”.


• Discussione in classe sulle domande “Secondo te” e lettura della riflessione finale.


• Gioco di ruolo: far lavorare i ragazzi a gruppi chiedendo a ognuno di calarsi in un personaggio a scelta fra Kami, Antonio e Luca (si può estendere inserendo anche i personaggi di Giulia, Ilaria, il ragazzo di Ilaria) e immaginare come prosegue la storia. Cosa farebbero? Cosa provano? Quali sono le conseguenze?


Ulteriori attività di approfondimento

Chiedere ai ragazzi di riflettere su altre situazioni – che hanno vissuto in prima persona o a cui hanno assistito – che hanno avuto una ripercussione sulla loro vita reale, scegliendo di raccontarle scrivendo a loro volta una storia o disegnando un fumetto. (L’attività può essere svolta anche in classe se le tempistiche lo consentono).


Chi ha già lavorato in classe con questa attività

In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )