Primaria

C’era una volta… la scuola!

Consapevolezza e responsabilità Costituzione
durata 60  min

Materia

Educazione Civica
Area Umanistico-Letteraria
Area Storico-Geografica-Filosofica

Competenze chiave

Competenza digitale
Imparare a imparare
Competenze sociali e civiche
Consapevolezza ed espressione culturale

Punto/i del Manifesto della comunicazione non ostile

01. Virtuale è reale
08. Le idee si possono discutere.Le persone si devono rispettare

Descrizione dell'argomento

Focus sull’importanza delle regole per vivere in armonia in una comunità (online e offline) e per garantire a tutte e a tutti attenzione e rispetto, principi cardine della nostra Costituzione e del Manifesto della comunicazione non ostile.


Domande fondamentali

• Cosa caratterizza una comunità, sia essa reale o virtuale?


• Quali sono le regole più ricorrenti?


• Da dove derivano?


• Quali sono i principi fondamentali della nostra Costituzione?


Materiali e Fonti

Il Manifesto della comunicazione non ostile

“#Eighteen: la Costituzione spiegata ai bambini”

» “La Costituzione Italiana. Vita, passioni e avventure” di Francesco Fagnani, Giunti;
» “Sono Stato io! Una Costituzione pensata dai bambini”, di Gherardo Colombo, Licia Di Blasi e Anna
Sarfatti, Salani.

Svolgimento dell'attività

Introduzione (20 minuti)


I bambini e le bambine sono invitati/e a descrivere in un disegno come nel corso dell’anno scolastico 2019/2020 avvenivano le lezioni in classe e poi durante il lockdown a casa. Durante la condivisione dei lavori l’insegnante chiede ai bambini e alle bambine di evidenziare, se non già emerso, le differenze tra la scuola in presenza e quella a distanza, invitandoli/le a pensare anche alle modalità di lavoro dei propri genitori.


Attività (30 minuti)


Terminato il confronto, l’insegnante domanda alla classe di enucleare 5 regole da osservare in classe durante le lezioni e altrettante da osservare a casa durante le lezioni a distanza. L’obiettivo è quello di far comprendere ai bambini e alle bambine che per vivere in armonia è necessario stabilire delle regole, che sono necessarie tanto offline quanto online, perché virtuale è reale. Con in mano il regolamento predisposto, l’insegnante invita la classe a porsi i seguenti interrogativi: chi stabilisce le regole? Cosa è necessario perché le regole vengano rispettate? Come si chiama la madre di tutte le regole?


Conclusione (10 minuti)


L’insegnante, avvalendosi di un breve video o spiegando a voce con l’ausilio di qualche immagine, presenta la Costituzione, la madre di tutte le regole, e il Manifesto della comunicazione non ostile come una sua possibile declinazione, sottolineando che in entrambi i casi è stata molto importante la scelta delle parole.


Ulteriori attività di approfondimento

Chiedere ai bambini e alle bambine di trovare il tempo per fare — assieme a un genitore e/o a un/a nonno/a, uno/a zio/a, un/a fratello/sorella più grande, un amico/un’amica — una “passeggiata costituzionale” (cfr “La Costituzione Italiana. Vita, passioni e avventure” di Francesco Fagnani, Giunti, a pag. 5): si tratta di guardarsi attorno, di osservare la strada illuminata e asfaltata, di andare in edicola ad acquistare un giornale, di leggere un avviso… tutte cose possibili grazie alla Costituzione, che è il punto di riferimento più importante nella società in cui viviamo. Essa c’è anche quando non si vede, ci garantisce moltissime libertà e diritti, ci dà gli strumenti per difenderli e ampliarli.


Chi ha già lavorato in classe con questa attività

In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )