Secondaria 1° grado

Cara Italia

Consapevolezza e responsabilità Web reputation /identità online Costituzione
    • Consapevolezza e responsabilità
    • Web reputation /identità online
    • Costituzione
    • Educazione Civica
    • Area Storico-Geografica-Filosofica
    • Area Sportivo-Motoria
    • Comunicazione nella madrelingua
    • Imparare a imparare
    • Competenze sociali e civiche
    • Consapevolezza ed espressione culturale
    • 02. Si è ciò che si comunica
    • 07. Condividere è una responsabilità
    • 09. Gli insulti non sono argomenti
    • • Quali sono i valori su cui è fondata l’Italia?

      • Quali simboli la rappresentano?

      • Come si costruisce l’unità?

Svolgimento
60'
  • Guarda il video

    L’insegnante introduce l’attività facendo ascoltare alla classe due canzoni: “L’italiano” di Toto Cutugno e “Cara Italia” di Ghali, che costituiscono due rappresentazioni dell’Italia fatte a 35 anni di distanza.

    Successivamente, con l’aiuto dell’insegnante, i/le ragazzi/e le analizzano e le confrontano: quale immagine dell’Italia se ne ricava?

  • Leggi gli articoli

    I/le ragazzi/e sono invitati/e a condividere la propria immagine d’Italia scegliendo una fotografia, un fotogramma, una canzone rappresentativa ecc. 

    Se non è già emersa, l’insegnante propone la foto della nazionale femminile di calcio: cosa rende 11 ragazze una squadra? Di cosa hanno bisogno per poter giocare insieme? Di una divisa, di una bandiera e di un inno: con l’aiuto dell’insegnante, la classe ne scopre l’origine, anche usando queste fonti suggerite:

    L’insegnante farà riflettere la classe sul fatto che non basta una maglia per potersi dire italiani/e: è la condivisione dei valori comuni scritti nella Costituzione della Repubblica Italiana che ci rende tali. I ragazzi e le ragazze dovranno quindi evidenziare tali valori.

  • La classe sarà invitata a considerare che questi valori condivisi non sempre vengono rispettati e attuati nella vita di tutti i giorni (si pensi, ad esempio, a quanto succede negli stadi).

    L’insegnante presenterà così il Manifesto della comunicazione non ostile per lo sport, come esempio di stile con cui relazionarsi con gli/le altri/e, nello sport e non solo.

  • I ragazzi e le ragazze potrebbero essere invitati/e a fare un lavoro a gruppi, a casa o a scuola, ossia realizzare un inno moderno che traduca a loro misura le parole di Mameli.


Segui il percorso completo
Chi ha già lavorato in classe con questa attività

In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )