fbpx
Secondaria 2° grado

Violenza di genere… a parole

Cittadinanza digitale Inclusione Social Hate Speech
    • Inclusione
    • Hate speech
    • Cittadinanza digitale
    • Social
    • Educazione Civica
    • Area Umanistico-Letteraria
    • Competenze sociali e civiche
    • Comunicazione nella madrelingua
    • Imparare a imparare
    • 03. Le parole danno forma al pensiero
    • • Quale ruolo hanno e possono avere le parole nel rafforzare pregiudizi e stereotipi nei confronti delle donne?

      • Quali parole possono generare violenza?

      • Quali parole possono contribuire a modificare lo sguardo nei confronti delle donne?

Svolgimento
60'
  • Guarda il video

    Gli studenti e le studentesse vengono introdotti/e all’attività attraverso la visione del monologo tenuto da Paola Cortellesi in occasione della consegna dei David di Donatello 2018. Al termine della visione, l’insegnante pone la seguente domanda: Davvero sono solo parole? Invita quindi gli studenti e le studentesse a confrontarsi sul tema, in particolare sulle ultime espressioni citate dalle altre attrici.

  • Discuti

    L’insegnante invita gli studenti e le studentesse a riflettere sul fatto che questa violenza verbale è all’ordine del giorno, riguarda tutti gli ambiti e talvolta coinvolge persone all’apparenza insospettabili: si possono fare degli esempi (Iene vs Insigne, Collovati, Emma, Giulia vs Salvini, l’Ex assessora della provincia di Gorizia Ilaria Ceco, ecc), si può chiedere a loro stessi/e di fornire degli esempi.

    Divisi/e in piccoli gruppi di massimo 3 o 4 persone, allievi e allieve sono invitati/e a pensare se hanno mai usato parole simili, oppure se ne sono stati destinatari/e: verrà poi chiesto di raccontare l’episodio, soffermandosi in modo particolare su come ci si è sentiti/e.

    Sottolineando che le donne sono una categoria spesso odiata in Rete, come possibile antidoto l’insegnante presenta loro il Manifesto della comunicazione non ostile, aiutandoli/le a comprendere che il cambiamento parte sempre da consapevolezza e responsabilità individuali: dalle parole che non dico, dalle parole che non condivido, dalle parole che condanno.

  • Studenti e studentesse sono invitati/e ad approfondire l’argomento attraverso alcune attività da fare in vari gruppi.

    Cercare il significato di queste due triadi di parole: donna-madre-femmina e uomo-padre-maschio;

    Confrontarsi sull’elenco di parole “da bollino rosso” nato in occasione della tappa fiorentina “Stop alla violenza di genere. Formare per fermare” (“Violenza sulle donne: ecco le dieci parole da bandire dai social e dai media”) a cui si possono aggiungere “tempesta emotiva” e “eccesso di gelosia”. Utili strumenti per questo tipo di approfondimento sono, tra gli altri, il Manifesto di Venezia, oppure le vignette di Stefania Anarkikka Spanò (Anarkikka) disponibili sul suo blog e sui profili social, in particolare su Instagram.

    Hai completato l'attività? Inviaci la tua valutazione, entra ufficialmente nella community! 

    La tua opinione è importante, ci permette di rafforzare la community di #paroleostili e  migliorare l’esperienza didattica. 
    Compila il form ogni volta che hai completato l’attività con una delle tue classi. Grazie ❤️

    Chi ha già lavorato in classe con questa attività

    In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )