Secondaria 2° grado

Non fidarsi è meglio!

Cittadinanza digitale Cyberbullismo - bullismo Hate Speech Emozioni Consapevolezza e responsabilità

In collaborazione con Maura Manca 

durata 60  min

Materia

Educazione Civica
Area Umanistico-Letteraria

Competenze chiave

Imparare a imparare
Competenze sociali e civiche
Consapevolezza ed espressione culturale

Punto/i del Manifesto della comunicazione non ostile

06. Le parole hanno conseguenze

Descrizione dell'argomento

Troppo spesso si fa del male senza riconoscere i danni che un’azione considerata “normale” o fine a stessa può generare in un’altra persona. Un gesto semplice come il condividere immagini intime e private o una parola aggressiva e giudicante possono avere delle conseguenze anche irreparabili. Per un adolescente può essere molto difficile parlare di quello che sente soprattutto quando si muove in un ambente che non è in grado di accoglierlo e si sente incompreso. Riuscire a riconoscere le proprie emozioni e quelle degli altri è molto importante nel rapporto con se stessi e con gli altri.


Domande fondamentali

• Prova a metterti nei panni di…


• Perché secondo te si è comportato così, cosa lo ha spinto a farlo? Aveva consapevolezza degli esiti delle sue azioni?


• Hai mai pensato a quanto possono pesare le parole o piccoli gesti sulla psiche di una persona?


Materiali e Fonti

Il Manifesto della comunicazione non ostile e inclusiva

Libro "Leggimi nel pensiero" di Maura Manca edito da Mondadori.

Racconto dal titolo \"Mi fidavo di te\" (importante leggere anche Era solo uno scherzo, dicevano)

Svolgimento dell'attività

Gli alunni dovranno leggere il racconto. Terminata la lettura del racconto si attiverà in confronto con la guida del docente che farà da moderatore e darà spazio a tutti in modo tale che tutti abbiano uno spazio.


Partire da domande che riguardano più il loro quotidiano per farli sciogliere ed entrare nella dinamica di gruppo.


1. Perché ottenere like e approvazione sui social network è così importante? Cosa succede se non sei popolare? A cosa si è disposti pur di essere popolari?


2. In che modo i canoni di bellezza imposti dai social influenzano l’autostima dei ragazzi?


3. Qual è stato il ruolo delle sue amiche? Se succedesse ad una tua/o amica/o cosa faresti?


Ora fare il passaggio di analisi dei comportamenti della protagonista per poi andare a toccare le corde emotive. Deve essere un passaggio graduale. 


Adriana secondo voi ha fatto degli errori? Se sì, quali? Cosa ha spinto Adriana ad accettare la proposta di Riccardo di farsi riprendere in intimità? Se tu fossi stata o stato al posto di Arianna, avresti accetto la proposta di farti riprendere o avresti mai chiesto al tuo partner di farlo? Se sì, perché. Se no, perché. Molti ragazzi sono consapevoli che inviare proprie foto intime ad altri può essere rischioso, ma nonostante questo con alcune persone si sentono comunque di poterlo fare, perché secondo te? Secondo te Riccardo era consapevole delle possibili conseguenze della pubblicazione di quel video sul web? Cosa è spinto a comportarsi in questo modo? Mirko, il nuovo ragazzo, finisce col prendere le distanze: come si sente la protagonista di fronte a questo comportamento? Cosa la ferisce maggiormente? Mirko avrebbe potuto/ dovuto comportarsi diversamente?


Fase sensibilità e empatia


Prova a metterti nei panni di Adriana. Quali sono le persone che l’hanno ferita maggiormente? Cosa spinge una persona, un ex fidanzato o un ex amico, a mettere in atto una vendetta così crudele? Che ruolo hanno avuto, secondo te, tutte le persone che hanno condiviso e commentato il video finito in rete? Se nessuno avesse condiviso, cosa sarebbe cambiato? Perché secondo te, quando succedono questi episodi, le persone lasciano sola la vittima e tendono a colpevolizzarla? Perché vengono giudicate in negativo solo le donne e gli uomini passano anche per “fighi”?


Fase autoanalisi e responsabilità


Avevi mai pensato a quanto possono pesare le parole o piccoli gesti sulla psiche di una persona? Ripensa a un episodio in cui ti hanno detto delle parole che ti hanno ferito? Come ti senti? Pensi che essere empatici, capaci di mettersi nei panni di un’altra persona e di provare a guardare con i suoi occhi e a sentire ciò che prova e che pensa, aiuti a conoscere e a capire di più dall’altro e a migliorare i rapporti fra le persone? Se sì, perché. Se no, perché. Hai scoperto qualcosa di nuovo su te stesso? Come ti saresti comportato al posto di Adriana?


Ora, alla luce di quello che emerso dal confronto con te stesso e con i tuoi compagni, prova a riscrivere il finale della storia… (fategli scrivere il finale e fatevelo mandare o via messaggio o via mail)


Ulteriori attività di approfondimento

È consigliata la lettura di tutti i racconti perché sono diversi ma tutti legati da un filo conduttore e attivano dinamiche importanti per lavorare sulla sensibilità, empatia, consapevolezza e attivare comportamenti responsabili perché troppe volte non si rendono conto della gravità delle loro azioni.


Chi ha già lavorato in classe con questa attività

In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )