Secondaria 2° grado

Ho perso le parole

Web reputation /identità online Consapevolezza e responsabilità Cittadinanza digitale
durata 60  min

Materia

Educazione Civica
Area Umanistico-Letteraria

Competenze chiave

Comunicazione nella madrelingua
Competenza digitale
Imparare a imparare

Punto/i del Manifesto della comunicazione non ostile

02. Si è ciò che si comunica

Descrizione dell'argomento

Ho perso le parole.


Domande fondamentali

• Che peso hanno le parole che non diciamo?


• Non saranno proprio i silenzi forzati che sappiamo ingiusti (e che però lasciamo) a zittire le parole che potremmo dire, a condizionarci per sempre?


• Non saranno proprio le parole non dette e che però dovevamo dire a raccontarci quello che realmente siamo?


• Ti è mai capitato di cercare una parola nuova per raccontare un momento o esprimere una sensazione e di non riuscire a trovarla?


• Che cosa ha inciso in quella situazione e/o incide di più generalmente nelle tue decisioni di non intervenire?


• La pigrizia, la volontà di non schierarti, la difficoltà ad esprimerti?


Materiali e Fonti

Il Manifesto della comunicazione non ostile

Parole Ostili - 10 racconti

“Io sono il diavolo” di Giordano Meacci (da “Parole ostili. 10 racconti”, Editori Laterza, a cura di Loredana Lipperini, 2018).

Pc, tablet o smartphone con connessione a Internet

Svolgimento dell'attività

Introduzione e attività (60 minuti)


Gli alunni e le alunne sono invitati/e a leggere a casa il racconto “Io sono il diavolo” e a sottolineare le frasi e i passaggi che li hanno colpiti/e di più.


In classe viene chiesto loro di pensare a dibattiti di rilevanza e interesse pubblico (vaccini, migrazioni, solo per fare due macro esempi) spesso protagonisti negli organi d’informazione o sui social -ma anche nello scambio di opinioni tra conoscenti- in cui si sono trovati/e coinvolti/e senza riuscire ad intervenire e a difendere la propria tesi. A partire dal confronto sulle domande fondamentali, verranno guidati/e ad approfondire le motivazioni della loro afasia.


Ulteriori attività di approfondimento

L’insegnante potrebbe assegnare per casa questo compito: “Ma con Luigi dovevo parlarci. Racconta una situazione personale in cui avresti voluto intervenire e non lo hai fatto, spiegando il perché e le conseguenze di quel silenzio”.


La restituzione dei compiti sarà un’ulteriore occasione per tornare sull’argomento e riprendere la discussione.


Chi ha già lavorato in classe con questa attività

In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )