Infanzia

Guerra e pace

Hate Speech Consapevolezza e responsabilità Inclusione Cittadinanza digitale Conflitto Collaborazione Emozioni
    • Cittadinanza digitale
    • Consapevolezza e responsabilità
    • Emozioni
    • Collaborazione
    • Conflitto
    • Hate speech
    • Inclusione
    • Educazione Civica
    • Comunicazione nella madrelingua
    • Imparare a imparare
    • Competenze sociali e civiche
    • Consapevolezza ed espressione culturale
    • 04. Prima di parlare bisogna ascoltare
    • 06. Le parole hanno conseguenze
    • 08. Le idee si possono discutere.Le persone si devono rispettare
    • 09. Gli insulti non sono argomenti
    • • Come sono gli altri?

      • Potrei vivere senza?

      • È difficile stare insieme senza litigare?

      • Cosa si può fare per imparare a rispettarsi?

Svolgimento
60'
  • Svolgi l'attività

    Ci si mette in cerchio e l’insegnante chiede ai bambini se a loro capita mai di litigare e per quale motivo, se vogliono avere ragione a tutti i costi e qual è il segreto per fare la pace.

    Quindi li invita a giocare al “gioco dell’orologio”: restando seduti in cerchio devono eseguire le indicazioni dell’insegnante, che è seduto in mezzo a loro. Queste sono le indicazioni: se l’insegnante dice TIC, i bambini devono battere le mani, se l’insegnante dice TAC, i bambini devono battere le mani sulle cosce. Il segreto per far funzionare l’orologio è che le lancette si ascoltino e svolgano ognuna la sua funzione: TIC e TAC.

  • Guarda il video

    Per riuscire ad ascoltare occorre imparare a non fare i prepotenti e gli arroganti, a parlare più piano e a stringersi la mano, come si dice nella canzone della Melevisione “Guerra e pace” che l’insegnante fa ascoltare ai bambini, insegnando loro il ritornello.

  • Leggi la filastrocca “Nessuno ha sempre ragione”  

     

    Al termine dell’attività l’insegnante legge la filastrocca di Giulio Coniglio “Nessuno ha sempre ragione” e assieme ai bambini cerca qualche esempio di parola appuntita e qualche altro, in quantità maggiore, di parola piumata: le parole individuate possono essere rappresentate attraverso un disegno, che verrà appeso in classe e che potrà essere chiamato in causa in caso di litigi o di episodi di prepotenza oppure i disegni possono essere posti in un cesto e tirati fuori e consegnati all’occorrenza.

Chi ha già lavorato in classe con questa attività

In questa sezione troverai le esperienze di chi ha lavorato con l'attività proposta attraverso un racconto di foto e video! Prendi spunto, fatti un'idea e se vuoi condividi la tua esperienza con gli altri raccontando com'è andata (se trovi la sezione vuota, apri le danze ;) )